HAI PAURA DI ROVINARE IL TUO MATRIMONIO SCEGLIENDO LA MUSICA SBAGLIATA?

L’ultimo tassello per il matrimonio perfetto è l’intrattenimento giusto.

HAI PAURA DI ROVINARE IL TUO MATRIMONIO SCEGLIENDO LA MUSICA SBAGLIATA?

Leggi per scoprire come evitarlo.

 

Nei matrimoni dei nostri zii e genitori non esisteva il problema di scegliere anche la musica: si prendeva il miglior cantante del paese, ci si affidava al suo repertorio di grandi classici e fine del discorso. Adesso invece c’è solo l’imbarazzo della scelta e tra tutte le possibilità scegliere quella giusta diventa complesso.

La musica è un elemento indispensabile per la buona riuscita della festa e con i nostri consigli puoi evitare un disastro in cui tutti non vedono l’ora che inizi la consegna delle bomboniere per potersene andare a casa!

Non hai la minima idea di che tipo di musica sia il più adatto: strumentisti o solo deejay? Un singolo o un gruppo? Una band con cantanti o senza?

E questi musicisti fanno anche l’intrattenimento? O forse meglio evitare l’effetto “villaggio turistico” e mettere solo un elegante sottofondo? Meglio musica rock per accontentare gli amici o musica soft per non scontentare i parenti?

Se al matrimonio medio 20 anni fa lo zio Nino che suonava la chitarra e il cugino Mario che cantava per hobby sotto la doccia, improvvisavano un duo goliardico accontentando tutti, oggi non si può più lasciare tutto al caso e rischiare che finisca tutto in una caciara che neanche nei peggiori karaoke bar di Caracas! Devi valutare molto attentamente la scelta della tua musica, o verrai ricordata come “la cugina che ha fatto il matrimonio da fiera di paese”.

Non vuoi mica rischiare di scegliere l’intrattenimento sbagliato e trovare il cugino Mario ubriaco che si impossessa del microfono e stecca a tutto volume nel momento più romantico e suggestivo del tuo matrimonio?

Questo rovinerebbe tutta la magia e l’incanto del momento. Dopo mesi a studiare tutti i minimi dettagli, non vorrai frantumare l’idea del tuo matrimonio perfetto e divertente, elegante e sofisticato, spassoso ma di classe, con una musica che non c’entra niente con il mood della serata?

Capisco la tua preoccupazione.

Non sono molti gli sposi che danno molta importanza all’aspetto intrattenimento. Eppure è il cuore della festa dopo il taglio della torta, ma è anche il biglietto da visita dell’evento perchè accoglie tutti all’arrivo e accompagna l’aperitivo; prepara gli animi per il vostro ingresso in sala come marito e moglio, nel momento del pranzo o della cena funge da sottofondo piacevole che accompagna la conversazione, e, andando a ritroso, rende personale e coinvolgente anche il momento della cerimonia.

La musica da sempre è ciò che amplifica e cristallizza le emozioni di un momento, quello che in un secondo ci fa piangere o ridere, ci fa saltare come fossimo nel bel mezzo di un concerto rock o ci fa emozionare ricordando un istante, come quello in cui tu e il tuo futuro sposo avete cenato insieme per la prima volta.

Pensa come sarebbe bello se in un unico giorno potessi vivere tutte queste emozioni, accendere tutti i momenti di questo evento unico della vostra vita con i suoni giusti, i ritmi giusti, le parole giuste.

Lo potrai fare, se continui a leggere i nostri consigli.

Ricevimento di matrimonio: come scegliere la musica per far decollare la festa

 

Ad ogni momento la sua musica

Il momento della cerimonia è l’attimo delle lacrime, quando tutto si sta realizzando e quasi non ci credi. Che sia una cerimonia religiosa o laica, che abbiate optato per la cerimonia della luce o per il rito celtico, questo momento è il più suggestivo: è il vero atto di unione delle vostre anime.

La musica di conseguenza deve emozionare. C’è chi vuole rimanere sul classico con la marcia nuziale e chi invece vuole qualcosa di diverso, più intenso e suggestivo.  In ogni caso è importante che rappresenti il sigillo perfetto per questo momento: l’incontro e l’unione.

Poi arriva il momento del pranzo o della cena. È importante che la musica non sia invadente e che sia di accompagnamento. Adesso state mangiando e state salutando tutti gli amici e parenti facendo un brindisi dopo l’altro. Potete valutare di alternare attimi di tranquillità con attimi di intrattenimento, magari tra una portata e l’altra. Ma sempre nel rispetto degli ospiti. Scegli qualcosa di melodico, con un volume discreto e ogni tanto interrompi con una canzone che vi faccia particolarmente sorridere, mentre passate a brindare e a festeggiare tra i tavoli.

Un altro momento topico è il taglio della torta che si può accompagnare con la canzone della coppia, quella che vi ricorda un’esperienza emozionante che avete condiviso. Ormai la parte più importante è passata e iniziate a rilassarvi, scivolando verso la parte più divertente della festa.

Non prima però del ballo con il papà e la mamma. Un altro momento davvero intenso che merita il giusto accompagnamento, con un ritmo lento, voce calda e melodiosa.

E finalmente party! La festa deve essere spassosa, i vostri invitati devono aver voglia di alzarsi e ballare. La parola d’ordine è divertimento! Qualunque musica che faccia muovere le gambe a tutti i vostri amici è ben accetta, dalla musica anni ’80, alla dance anni ’90, dalla musica italiana a quella internazionale, l’importante è che si balli fino a notte tarda e ci si diverta come non si faceva da mesi!

Quale musica scelgo?

Immaginatevi il giorno dopo, gli invitati al vostro matrimonio che parlano con una amica e dicono: “Il matrimonio è stato molto bello, peccato per la musica metal rock. Un po’ pesante dopo due ore di ascolto”.

Se al matrimonio sono invitate solo o quasi esclusivamente appassionati di un preciso genere musicale allora vale la pena scegliere una band o un genere musicale specifico. Altrimenti è buona norma rimanere più generici. I musicisti o il dj che scegli sono il riflesso di come siete voi due e come sono i vostri amici.

Innanzi tutto bisogna decidere se optare per strumentisti o deejay, se una band oppure dei solisti o se magari fare un mix tra le tipologie.

Ad esempio si può scegliere uno strumentista che possa suonare da solista accompagnando l’aperitivo, una leggera musica di sottofondo per la cena messa su dal deejay che poi vi aspetterà per farvi scatenare sulla pista da ballo cambiando completamente genere durante la festa. Oppure per la cena puoi optare per un duo voce e strumento che accompagni il pasto senza diventare invadente, ma al tempo stesso senza lasciare il mesto brusio da mensa che proprio non ci piace in un giorno di festa!

Diverso è se invece preferisci un intrattenitore che durante il pranzo o la cena faccia anche da coordinatore dei vari momenti. In questo caso bisogna solo porre bene attenzione a non essere invadenti, molti invitati non apprezzano essere disturbati durante il pasto troppe volte. Anche in questo caso il primo elemento da analizzare è il tipo di invitati al vostro matrimonio.

Musica matrimonio: scegliere quella giusta per creare l'atmosfera

Ph. Danilo Mecozzi

Volume

Durante il pranzo o la cena il volume non deve mai essere eccessivo. Nessuno vuole dover urlare per poter scambiare due parole con il proprio vicino.

Se avete optato per un dj, regolare il volume sarà più semplice. Se avete scelto musica dal vivo, ricordati che dovrai fare una valutazione attenta sulla loro posizione in sala: forse il tavolo dei nonni non gradisce avere un sassofonista appollaiato sulla spalla che manda in tilt i loro apparecchi acustici!

Durante la festa il volume non può in alcuni casi superare certi decibel in base anche a dove si trova la location. Ma, verificati questi limiti, per gli ospiti a questo punto non dovrai preoccuparti troppo perchè si staranno già dimenando in pista, complice un po’ di alcol dell’open bar che accenderà la voglia di far festa. Hanno avuto tutto il tempo per conversare prima, adesso vogliono solo scatenarsi!

Quindi per fare il riepilogo, cerca di fare un’analisi degli ospiti e come primo step, decidi tra un intrattenimento più soft o uno più incisivo. In secondo luogo, decidi se preferisci musica live o dischi riprodotti. Infine, in base al tipo di invitati, valuta se sia meglio optare per qualcosa di più specifico o più generico ed evergreen.

Da qui in poi si tratta di scegliere le singole canzoni per i momenti più importanti del giorno del matrimonio: ingresso in chiesa, arrivo in location, ingresso in sala, taglio della torta, ballo con i genitori, primo ballo degli sposi. 

A questo punto hai tutte le informazioni che ti servono per selezionare la musica giusta senza rischiare di rovinare tutta la magia che avrai faticosamente creato.

Non ci hai ancora contattato?

Fallo adesso, chiamami, possiamo consigliarti non solo la musica perfetta, ma anche e soprattutto, il fornitore giusto che possa garantirtela.

 

Buoni sogni, da Daniela

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Condividi su

Share on facebook
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Contattami per maggiori informazioni.
Powered by